Presso la clinica è possibile effettuare l’inserimento del microchip a cani e gatti e furetti e l’immediato e rilascio di certificato di iscrizione presso l’anagrafe canina Lombarda. L’applicazione consiste nella inoculazione nel sottocute del collo a sx di un piccolissimo chip mediante un apposito dispositivo che minimizza il fastidio all’animale, pertanto tale procedura può tranquillamente essere eseguita anche in cuccioli di piccole dimensioni senza rischi. Il microchip consente il riconoscimento inequivocabile dell’animale tramite un numero ad esso assegnato leggibile con appositi lettori a disposizione di veterinari ed enti preposti al controllo.

È inoltre possibile effettuare passaggi di proprietà presentandosi con l’animale per la lettura del microchip, il documento di passaggio di proprietà compilato e firmato da entrambi le parti, e la copia di un documento di identità di entrambe le parti. Per i cani provenienti dall’estero l’iscrizione all’anagrafe canina Lombarda prevede che il cane entri in Italia accompagnato da un passaporto valido, con la vaccinazione antirabbica in corso di validità. Si ricorda che i cuccioli non possono essere vaccinati contro la rabbia prima dei tre mesi e che la vaccinazione è considerata valida dopo 21 giorni dall’inoculo.

Ricordiamo che si tratta di un atto obbligatorio per legge per la specie canina (L. n. 281 del 14/08/1991 e Ord 6/08/2008) che mira a combattere l'abbandono e prevenire il randagismo. L'applicazione del microchip va effettuato entro i primi 30 giorni di vita dell'animale o entro 15 giorni dall'entrata in possesso dello stesso; se il cane scappa o si perde o vi viene sottratto va tempestivamente comunicato alla ASL veterinaria presso cui viene iscritto per non incorrere nell'eventuale reato di abbandono

Facebook