La dermatologia occupa uno spazio importante nella clinica quotidiana; è infatti una delle cause più frequenti di visita per la facilità di riconoscimento dei sintomi: arrossamenti, prurito, perdita di pelo, odore sgradevole della cute, sono segni che non passano inosservati.

Oltre ai problemi legati prettamente alla cute ed al mantello, la dermatologia si occupa anche di alterazioni a carico di altri distretti quali orecchie, unghie, sacchi anali...

L' esame clinico può rilevare malattie congenite (difetti di cheratinizzazione), allergiche, infettive (batteriche, virali, micotiche), parassitarie o malattie più complesse sistemiche con risentimento cutaneo (metaboliche, ormonali, infettive, parassitarie, tossiche, autoimmuni, neoplastiche, reazioni da farmaco).

Gli esami di cui ci si avvale sono l'esame tricoscopico, il raschiato cutaneo, la citologia, la biopsia ed esami di laboratorio per la ricerca di malattie sistemiche.

Presso la clinica è possibile effettuare gli “SKIN TEST” ovvero dei test allergologici di intradermoreazione atti a capire a quali elementi è allergico il paziente in modo da migliorarne la gestione ed eventualmente approntare una immunoterapia su misura.

A volte ci vuole molta pazienza per la ricerca della malattie primaria in quanto è necessario "ripulire"la cute da batteri che comunemente vivono sulla superficie cutanea, ma che in condizioni di alterazione della barriera di superficie si replicano in eccesso diventando patogeni e confondendo il quadro primario della malattia. E' solo dopo questa prima tappa che si procede con l'iter diagnostico.

I tempi di guarigione posso anche essere lunghi, soprattutto quando la patologia è cronica, ma la costanza e la stretta collaborazione con il proprietario sanno portare ai successi sperati.

Parte fondamentale della visita dermatologia consiste in una accurata ricerca anamnestica, ovvero una serie di domande al proprietario circa lo stile di vita e l’ambiente in cui vive l’animale, si raccomanda quindi , nel limite del possibile, di inviare il paziente con la persona piu adatta a rispondere al questionario.

Facebook